UNECE R44 – R129 i-Size

Sicurezza in Auto
UNECE R44 e R129 (i-Size)

La prima cosa da sapere quando in auto si trasportano dei bambini sono le normative di sicurezza che ad oggi sono la ECE R44 e la più recente R129(i-Size).

La cosa che non sopporto quando mi capita di cercare delle informazioni su vari siti che ne trattano l’argomento è la capacità di riuscirti a confondere le idee più di prima…. per questo voglio essere il più chiaro possibile provando a semplificare le cose senza andare troppo nel dettaglio.

L’uso dei “seggiolini” – sistemi di ritenuta per bambini – in auto è regolato dall’art. 172 CdS, la medesima norma che prevede l’utilizzo delle cinture di sicurezza da parte di tutti gli occupanti i sedili di un veicolo.

L’art. 172 prevede che tutti i bambini di statura inferiore a 1,50 m debbano essere assicurati al sedile con sistemi di ritenuta per bambini che siano:
adeguati al loro peso;
di tipo omologato.

La citazione sopra riportata, estratta dal sito della polizia di stato, ci ricorda che la regola numero 1 è quella di dotarsi sempre di un dispositivo di ritenuta adeguato per tutti i bambini/ragazzi che non abbiano superato i 150 cm di altezza.

R44 Vs R129: in cosa sono diverse?


La UNECE R44 nella versione R44/04 stabilisce lo standard di omologazione dei sistemi di ritenuta usando il “peso” del bambino per classificarne le categorie e/o gruppi, mentre la UNECE R129 nelle versioni R129/1 e R129/2, come criterio di omologazione e classificazione, utilizza l’altezza.

  • UNECE R44/4: omologazione per Peso
  • UNECE R129: omologazione per Altezza

Di fatto la normativa R129 chiamata anche i-Size è l’ultimo regolamento europeo (in vigore da luglio 2013) dove rispetto alla R44 presenta uno standard di sicurezza molto più elevato che andremo ad approfondire più avanti.

Attenzione: i seggiolini fabbricati prima del 1995 o che hanno etichetta di omologazione ECE R44/1 o ECE R44/2 non sono più a norma pertanto è vietato circolare e utilizzare questi dispositivi.

R44/04: omologazione Gruppo/Peso


La normativa R44 omologa i seggiolini utilizzando il peso per classificarne le categorie definite come “Gruppo”:

  • Gruppo 0:
    le navicelle, dalla nascita a 10 kg, adatte per i piccolissimi e, se omologate, devono essere disposte sui sedili posteriori in senso trasversale
  • Gruppo 0+:
    Gli ovetti, dalla nascita sino a 13 kg, posizionati sui sedili posteriori sempre in senso contrario a quello di marcia, con obbligo di disattivazione dell’airbag se posto sul sedile anteriore accanto a quello del conducente.
  • Gruppo 1:
    Bambini dai 9 ai 18 kg posizionati sui sedili posteriori rivolti solo ed esclusivamente verso il senso di marcia
  • Gruppo 2:
    Bambini dai 15 ai 25 kg posizionati sui sedili anteriori o posteriori rivolti nel senso di marcia
  • Gruppo 3:
    Bambini dai 22 ai 36 kg posizionati sui sedili anteriori o posteriori rivolti nel senso di marcia.

Consigli pratici


Navicella Vs Ovetto

Quando vi troverete a dover decidere se utilizzare la navicella o l’ovetto bisogna fare alcune considerazione ed in base a queste decidere cosa è meglio utilizzare.

La navicella, seppur omologabile per il trasporto in auto, non ha lo stesso livello di sicurezza comparabile a un ovetto in quanto la struttura è fissata ai suoi estremi con un sistema di ancoraggio sulle cinture laterali che vengono “imprigionate” da una fibbia che viene agganciata alla navicella dove il bambino è legato tramite cinture interne poste direttamente sulla base del materassino.

L’ovetto invece, oltre ad aver la possibilità di poter essere agganciato a una base ISOFIX che lo rende più sicuro e stabile, può essere legato tramite l’utilizzo delle guide presenti nell’ovetto dove far passare la cintura di sicurezza.

Devo dire che io ho provato entrambe le soluzioni e l’ovetto oltre a darmi un senso maggiore di sicurezza, è sicuramente molto più pratico nell’uso quotidiano visto anche senza base con attacchi ISOFIX.

Soste frequenti durante i viaggi

Nei lunghi viaggi è consigliabile fermarsi ogni ora per donare un po’ di sollievo alla schiena del nostro bambino che dopo un’ora di viaggio senza potersi muovere per cambiare posizione sarà anche un tutto “anchilosato”.

Meglio un seggiolino Multigruppo

La normativa UNECE R44 permette alle case costruttrici di suddividere la costruzione dei seggiolini rispettando queste configurazioni:

Gruppi
00+0+ | 1
12 | 31 | 2 | 3

Se hai scelto un passeggino DUO…

Questa suddivisione permette a tutti coloro che hanno scelto di acquistare un passeggino Duo di scegliere un seggiolino 0+|1 che permetterà loro di coprire il periodo più lungo e importante: dalla nascita ai 3 anni.

Questo darà la possibilità, se vogliamo farne un discorso economico, di spendere meno per l’acquisto di un passeggino DUO utilizzando i soldi risparmiati per un seggiolino del gruppo 0+/1.

Se hai scelto un passeggino TRIO…

Per coloro che invece hanno preferito il TRIO, potranno scegliere un seggiolone multigruppo che vi garantirà di fare un unico acquisto che coprirebbe il periodo di obbligatorietà della norma ma attenzione, la R44/04 prima o poi andrà in pensione, quindi fate molta attenzione.

R129 (i-Size): omologazione per cm!


La R129, entrata in vigore nel luglio 2013, è una nuova normativa europea nata con la volontà di migliorare il livello di sicurezza dei dispositivi di ritenuta per bambini che, a differenza della R44/04 si basa sull’altezza.

R129 (i-Size): omologazione per cm!“Dispositivo di ritenuta per bambini” (DRB), indica un dispositivo capace di accogliere un occupante bambino in posizione seduta o supina. È progettato per limitare il rischio di lesioni di chi lo occupa perché, in caso di urto o di improvvisa decelerazione del veicolo, riduce le possibilità di movimento del corpo del bambino.

Le principali novità introdotte in questa norma sono:

  • seggiolini classificati in base all’altezza e con limiti di peso (vedi etichetta di omologazione);
  • test omologazione per gli impatti laterali
  • seggiolino in senso contrario di marcia fino a 15 mesi
  • agganci Isofix obbligatori fino a 105 cm

Lo sviluppo della normativa R-129 è stata suddivisa in tre fasi che possiamo paragonare ai “gruppi” della normativa R44/04:

  • Fase 1 o i-Size (Luglio 2013)
  • Fase 2 (Giugno 2017)
  • Fase 3 (ancora in fase di studio)

Fase 1 i-Size: seggiolino per bambini da 40 cm ai 105 cm

La prima Fase si applica ai dispositivi di ritenuta per bambini (dai 40 cm ai 105 cm) definiti “integrali” in quanto dotati di un loro sistema di cinture installate ed ancorate direttamente nel seggiolino.
Il sistema di ritenuta dovrà essere installato in auto utilizzando i punti di ancoraggio ISOFIX che a seconda della casa produttrice dovrà a sua volta essere dotato di top tether o in alternativa della gamba di appoggio.

La grande novità introdotta nella fase 1 è stata la posizione del seggiolino che fino ai 15 mesi di età dovrà essere rivolta in senso contrario di marcia.

Cliccando su questo link potrete consultare il regolamento della prima fase direttamente dal sito dell’unione Europea regolamento UNECE R129

Fase 2: seggiolino per bambini da 100 cm a 150 cm

In questa fase si sono decisi i parametri di costruzione dei seggiolini (cosiddetti booster con schienale) che dovranno ospitare bambini di statura compresa da 100 cm a 150 cm.
Per questi dispositivi di ritenuta non è previsto l’obbligo di adozione del sistema ISOFIX pertanto il fissaggio della struttura potrà avvalersi dell’utilizzo delle sole cinture.

Fase 3: in via di definizione

Questa fase dovrebbe essere pensata per i seggiolini dalla nascita a 105 cm che verranno installati sulla vettura con l’utilizzo della cintura di sicurezza. I requisiti che dovranno rispettare dovranno superare Test più rigorosi che dovranno essere paragonate a quelle ISOFIX

Auto “i-Size”


Con la normativa i-Size è stato chiesto alle case produttrici di auto di creare dei sedili specifici e quindi compatibili al 100% ai dispositivi di sicurezza i-Size.
Questo a mio avviso è un punto molto importante che va assolutamente portato in evidenza, perchè questo è un’altro tassello che si aggiunge al miglioramento del grado di sicurezza che potra avere il nostro dispositivo.

Provate a pensare al posto centrale di un auto e di doverci legare un seggiolino… non è il massimo ma quando hai 3 figli… ti attacchi!

Per questo motivo se vi trovate a dover acquistare un autovettura nuova, tenete presente che oltre all’attacco ISOFIX ci sono i sedili i-Size!

Come si legge l’etichetta di omologazione ?


Non tutti si pongono il problema di capire cosa ci sia scritto su quella etichetta arancione perché solitamente durante l’acquisto che avvenga in un negozio o tramite internet, ci fidiamo sempre che quello che ci viene proposto.

In questi casi il margine d’errore è dato da ciò che noi comunichiamo al commesso o che indichiamo come termine di ricerca su un sito online.
Ma se vogliamo acquistare un articolo usato o semplicemente qualche nostro amico ci vuole prestare quello che ha usato lui? Possiamo rischiare di non sapere se siamo realmente in regola?

  1. Indica la normativa Europea sulla Sicurezza. La normativa di riferimento ad oggi valide sono la ECE R44/04 e l’ultima arriva i-Size (UN R129).
  2. Indica il livello di compatibilità del seggiolino con le auto.I valori che possiamo trovare sono: “Universal”, “Semiuniversal” e “Veicolo specifico”. Per semplificare gli unici 2 a cui fare attenzione sono “Semiuniversal” adatto solo ad una lista specifica di autovetture mentre “Veicolo specifico” adatto solo ad un determinato modello di auto.
  3. Omologazione per peso se si tratta di R44/04 o di altezza per l’i-size.
  4. Marchio di omologazione europea.
  5. Indica il Paese in cui è stata ottenuta l’omologazione: 1 = Germania, 2 = Francia, 3 = Italia, 4 = Paesi Bassi, ecc.
  6. Numero di omologazione. I primi due numeri (04) indicano la versione della normativa secondo la quale il seggiolino è stato omologato, in questo caso ECE R 44/04.
  7. Numero progressivo di produzione

Conclusioni


La nuova normativa o regolamento R 129 i-Size ha portato numerose novità in termini di sicurezza a cui non possiamo restare indifferenti.

Pertanto se posso dare una mia opinione se siete dei futuri genitori che si trovano nel bel mezzo dell’acquisto di un seggiolino auto, visto che si parla della sicurezza del vostro figlioletto, andate sicuri nell’acquistare un seggiolino i-Size: più sei sicuro più viaggi tranquillo!

Se invece avete la fortuna di ricevere in prestito un seggiolino da un vostro amico o parente, controllate bene l’etichetta, così da essere sicuri di rispettare le norma di sicurezza.

Cliccando sul link salute.gov.it un opuscolo sulle regole per il trasporto dei bambini che trovo molto utile chiara.
Se il link non fosse raggiungibile cliccate qui clicca qui